Notiziario

Per consultare tutti i numeri pubblicati visitare l'archivio

Good News Agency

Nonostante tutto, una cultura di pace sta emergendo in tutti i campi dello sforzo umano

mensile, anno XX, numero 288 – 13 marzo 2020

 

Good News Agency - l’agenzia delle buone notizie - riporta notizie positive e costruttive da tutto il mondo del volontariato, delle Nazioni Unite, delle organizzazioni non-governative e delle istituzioni impegnate nel miglioramento della qualità della vita, notizie che non si “bruciano” nell’arco di un giorno. È distribuita gratuitamente per via telematica nel mondo a media e giornalisti di redazione, ONG e associazioni di servizio, scuole superiori e università. È un servizio di volontariato dell’Associazione Culturale dei Triangoli e della Buona Volontà Mondiale, ente morale educativo associato al Dipartimento della Pubblica Informazione delle Nazioni Unite. Sostiene il Movimento Globale per la Cultura di Pace. Nel rapporto conclusivo sul progetto del Decennio per una Cultura di Pace (2001-2010) consegnato al Segretario-Generale ONU per la presentazione all'Assemblea Generale), Good News Agency è inclusa tra le tre ONG che svolgono un ruolo importante nel campo della informazione per la promozione di una cultura di pace tramite Internet.*

 

Sommario

Legislazione internazionaleDiritti umaniEconomia e sviluppoSolidarietà

Pace e sicurezzaSaluteEnergia e sicurezzaAmbiente e natura

Religione e spiritualitàCultura e educazione

 

Legislazione internazionale
(top)

 

 

Il trattato sull'inquinamento atmosferico di maggior successo di cui si sia mai sentito parlare

(a cura del World Resources Institute)

2 marzo 2020 - (...) La quarantennale Convenzione sull'inquinamento atmosferico transfrontaliero a grande distanza (o LRTAP, come è noto ai professionisti dello sviluppo) ha riscosso un grande successo, seppure ampiamente ignorato, nella lotta contro l'inquinamento atmosferico e il cambiamento climatico. La Convenzione ha anche portato ad un'aria più pulita e foreste, suoli e laghi più sani in Nord America e ha prevenuto 600.000 morti premature ogni anno in Europa. Firmato nel 1979 da 32 Paesi europei, gli Stati Uniti e il Canada, l'accordo inizialmente mirava a contrastare le piogge acide. Nel tempo, è diventato un modello per un'efficace cooperazione internazionale in campo ambientale, riunendo scienziati e responsabili politici per risolvere complessi problemi transfrontalieri. Ad oggi, oltre 51 Paesi hanno aderito alla Convenzione e un totale di 8 protocolli o accordi internazionali sono stati aggiunti per affrontare una serie di problemi ambientali e sanitari causati dall'industrializzazione, dalla modernizzazione agricola e dal consumo di combustibili fossili, tra cui ozono a livello del suolo, black carbon, inquinanti organici persistenti, metalli pesanti e particolato. Tali accordi si basano su una valutazione scientifica che identifica le azioni necessarie per migliorare la salute umana e gli ecosistemi. (...)

https://cleantechnica.com/2020/03/02/the-most-successful-air-pollution-treaty-youve-never-heard-of/

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 13 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Agire per il Clima

 

Etiopia: 41 comandanti dell'esercito preparati sul diritto internazionale umanitario

26 febbraio 2020 - Il CICR collabora con le forze di difesa nazionali etiopi (ENDF) per diffondere la conoscenza del diritto internazionale umanitario tra i vari dipartimenti delle forze di difesa nazionali etiopi da oltre tre decenni. Come custode e promotore del diritto internazionale umanitario, il CICR si impegna a migliorare la conoscenza e il rispetto della legge tra i membri dell'esercito fornendo formazione e organizzando seminari. Considerando il coinvolgimento delle forze di difesa etiopi nelle operazioni di contrasto nelle diverse parti del Paese, parte della formazione è dedicata anche alle pertinenti norme sui diritti umani. Dalla teoria alla pratica, il CICR ha fornito un addestramento sul diritto internazionale umanitario di quattro giorni (dal 16 al 20 febbraio 2020) a 41 membri dell'esercito del comando regionale meridionale a Hawassa, nel sud dell'Etiopia (...). Il diritto internazionale umanitario è una parte del diritto internazionale che protegge le persone che non prendono parte alle ostilità e limita i metodi e i mezzi di guerra che le parti in conflitto possono utilizzare allo scopo di alleviare la sofferenza umanitaria.

https://www.icrc.org/en/document/ethiopia-41-army-commanders-trained-ihl  

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 16 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Pace, Giustizia e Istituzioni Forti

 

Nazioni Unite - Assemblea generale - Comitato speciale sulla Carta delle Nazioni Unite e sul rafforzamento del ruolo dell'organizzazione

20 febbraio 2020 -

1. Il comitato speciale ha esaminato la questione della risoluzione pacifica delle controversie durante lo scambio generale di opinioni (...)

13. Le delegazioni hanno menzionato l'importanza di sostenere gli Stati nell'istituzione di meccanismi di conciliazione e nell'uso della conciliazione per risolvere pacificamente le controversie, sottolineando il ruolo delle Nazioni Unite al riguardo (...).

https://documents-dds-ny.un.org/doc/UNDOC/LTD/N20/046/14/pdf/N2004614.pdf?OpenElement

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 17 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite Partnership per gli Obiettivi

 

Nazioni Unite - Consiglio economico e sociale - Commissione per lo sviluppo sociale - Cinquantottesima sessione - Punto 3 (a) dell'ordine del giorno - Alloggi accessibili e sistemi di protezione sociale per tutti i senzatetto

13 febbraio 2020 - Il Consiglio economico e sociale (...)

2. riconosce l'urgente necessità di accelerare l'azione a tutti i livelli e da tutte le parti interessate per realizzare la visione e gli obiettivi dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile; (...)

11. invita gli Stati membri a sviluppare strategie nazionali intersettoriali globali e interventi politici specifici per i senzatetto, tenendo conto dei quadri e degli strumenti esistenti relativi ai senzatetto; (...)

14. invita gli Stati membri a prendere in considerazione l'adozione di politiche del mercato del lavoro che rafforzino le istituzioni e forniscano un'adeguata protezione del lavoro a tutti i lavoratori, in particolare i più svantaggiati; (...)

15. incoraggia gli Stati membri ad attuare politiche a sostegno della piena e produttiva partecipazione delle donne al mercato del lavoro, comprese le donne con disabilità, (...)

https://documents-dds-ny.un.org/doc/UNDOC/LTD/N20/037/48/pdf/N2003748.pdf?OpenElement

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 1 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Povertà Zero

 

Nazioni Unite - Consiglio economico e sociale - Forum sulle questioni indigene - Diciannovesima sessione - Punto 4 - Aggiornamento sulla promozione e l'applicazione della Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti delle popolazioni indigene

3 febbraio 2020 - Il presente rapporto affronta il ruolo del sistema delle Nazioni Unite nel promuovere l'attuazione della Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti delle popolazioni indigene. Fornisce una panoramica delle riforme in corso del sistema di sviluppo delle Nazioni Unite e delle nuove opportunità che queste offrono alle popolazioni indigene e ai loro problemi da includere più pienamente nel nuovo sistema. (...)

https://documents-dds-ny.un.org/doc/UNDOC/GEN/N20/026/97/pdf/N2002697.pdf?OpenElement

 

 

Diritti umani

(top)

 

Nigeria: Giornata internazionale della donna – la Fida incarica il governo nigeriano di attuare efficacemente i diritti delle donne

(Di Halimah Yahaya)

8 marzo 2020 - Il governo a tutti i livelli dovrebbe istituire strutture che garantiscano l'effettiva attuazione dei diritti delle donne, ha affermato la Federazione internazionale delle donne avvocato (FIDA). L’invito dell'associazione è stato lanciato durante la Giornata internazionale della donna 2020. La vicepresidente della Fida, nonché presidente della sezione nigeriana, Rhoda Tyoden, ha rilasciato questa dichiarazione a PREMIUM TIMES domenica mattina. La Giornata internazionale della donna si celebra l’8 marzo con lo scopo di promuovere la causa delle donne in tutto il mondo e il tema di quest'anno è "un mondo uguale è un mondo abilitato" mentre lo slogan della campagna globale è: #EachforEqual.

https://allafrica.com/stories/202003080019.html//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 5 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Uguaglianza di Genere

 

Giornata internazionale delle Donne 2020

(di Fortunate Nyambo)

7 marzo 2020 - Ancora una volta, l'8 marzo, il mondo celebra la Giornata internazionale delle Donne. In tutto il mondo, questo giorno è celebrato come un punto focale nel movimento per i diritti delle donne. Il tema della celebrazione di quest'anno è #EachforEqual. Un tema che cerca, tra le altre cose, di incoraggiare le donne di tutto il mondo a riconoscere che possono fare la differenza e determinare l'uguaglianza di genere nel mondo. L’8 marzo è anche un giorno in cui le donne di tutto il mondo si riuniscono per celebrare le reciproche conquiste indipendentemente dalle divisioni di nazioni, barriere etniche, linguistiche, culturali, economiche o politiche.

https://www.vaticannews.va/en/africa/news/2020-03/international-women-s-day-2020.html//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 5 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Uguaglianza di Genere

 

#8marzodellebambine, la Campagna per le donne del futuro

(di Emanuela Campanile)

7 marzo 2020 - In occasione della Giornata Internazionale della Donna, UNICEF Italia rilancia una Campagna con un nuovo video “Posso essere quello che voglio?”. L'obiettivo è ricordare al mondo che il futuro di tante bambine, ragazze e donne è in pericolo e dipende da tutti noi.  La Campagna #8marzodellebambine, rilanciata da UNICEF Italia, intende ricordare che garantire ad ogni bambina, ragazza e donna gli strumenti adeguati per poter sviluppare le proprie potenzialità, può fare la differenza all'interno delle loro comunità di appartenenza. Ad accompagnare l'iniziativa è il video “Posso essere quello che voglio?”, per ricordare al mondo che il futuro di tante bambine, ragazze e donne è in pericolo. La domanda che il video pone, sottolinea nell'intervista il portavoce di UNICEF ITALIA, Andrea Iacomini, è se le bambine, e ovviamente anche i bambini, di tutto il mondo possono essere quello che vogliono in un mondo dove cambiamenti climatici, conflitti e migrazioni mettono a rischio la loro vita e il loro sviluppo.

https://www.vaticannews.va/it/mondo/news/2020-03/unicef-donne-giornata-mondiale.html//

 

Giornata Internazionale delle Donne: l’uguaglianza di genere porta benefici per tutti

6 marzo 2020 – I benefici dell’uguaglianza di genere non sono solo per donne e ragazze, ma “per tutti coloro la cui vita cambierebbe in un mondo più equo”, questo è quanto detto dalla capofila delle Nazioni Unite per i diritti delle donne durante il suo messaggio nella sede principale delle Nazioni Unite, in occasione della Giornata Internazionale delle Donne, celebrata anticipatamente a New York lo scorso venerdì. Essendo un “anno significativo per l’uguaglianza di genere”, il Direttore Esecutivo Phumzile Mlambo-Ngcuka ha detto che spetta tutto a “Generation Equality”, in cui “ci stiamo mobilitando per mettere in atto i diritti delle donne, e stiamo segnando il venticinquesimo anno di arricchimento della Piattaforma d’Azione di Pechino” - lo storico piano per l’uguaglianza di genere stilato nella capitale cinese. Generation Equality sta prevalentemente fronteggiando i problemi in materia di diritti delle donne di generazione in generazione, avendo come primo pensiero ragazze e giovani donne.

https://news.un.org/en/story/2020/03/1058881//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 5 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Uguaglianza di Genere

 

Corte Europea dei Diritti dell’Uomo: quando la condanna non basta

(di Flaminia Delle Cese)

5 Marzo 2020 - L’importanza dell’esecuzione delle sentenze della Corte EDU

Ottenere una sentenza di condanna di uno Stato da parte della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo può essere un grande traguardo. Tuttavia, in molti casi, la sentenza rappresenta solo l’inizio di un percorso ben più lungo. Perché se gli Stati tendono a provvedere senza ritardi eccessivi all’esecuzione delle misure individuali (solitamente pagando una somma di denaro riconosciuta al ricorrente a titolo di equa soddisfazione), non sempre può dirsi lo stesso rispetto alle misure generali indicate dalla Corte. Le sentenze della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo possono apportare un contributo significativo alla protezione dei diritti umani in un determinato Stato, ma per raggiungere questo obiettivo è necessario che siano eseguite correttamente. A carico degli Stati che abbiano commesso una violazione accertata dalla Corte sussiste infatti l’obbligo di adottare misure volte al superamento della stessa.

https://cild.eu/blog/2020/03/05/corte-europea-diritti-uomo-quando-condanna-non-basta//

 

 

Economia e sviluppo

(top)

 

LOS ANGELES - La Società CBRE Group, Inc. nominata una delle aziende più etiche al mondo per il settimo anno consecutivo

6 marzo 2020 - La Società CBRE Group, Inc. (NYSE: CBRE) è stata riconosciuta come una delle aziende più etiche al mondo anche nel 2020 dall'Ethisphere Institute, leader globale nella definizione e nell'anticipazione degli standard delle pratiche commerciali etiche. Questo è il settimo anno consecutivo che CBRE ha ottenuto questo riconoscimento. Le aziende sono valutate sulla base di oltre 200 variabili relative a cultura, pratiche ambientali e sociali, attività etiche e di conformità, gestione, diversità e iniziative per sostenere una forte catena di approvvigionamento. All'inizio di quest'anno la CBRE è stata inclusa nell'indice Bloomberg sull'uguaglianza di genere (Bloomberg’s Gender-Equality Index), è stata la migliore società immobiliare nell'elenco delle società più ammirate del mondo di Fortune ed è stata classificata al 13° posto nell'elenco Barron delle 100 società più sostenibili negli Stati Uniti.

Informazioni su CBRE Group, Inc.

La CBRE Group, Inc. (NYSE: CBRE), è una società Fortune 500 e S&P 500 con sede a Los Angeles, ed è la più grande impresa commerciale e di servizi immobiliari al mondo (stima basata sul reddito del 2019). Visitare il nostro sito Web all'indirizzo: www.cbre.com.

https://www.csrwire.com/press_releases/43893-CBRE-Group-Inc-Named-One-of-the-World-s-Most-Ethical-Companies-for-Seventh-Consecutive-Year?tracking_source=rss

 

La Guinea-Bissau e l'IFAD collaborano per costruire la resilienza degli agricoltori ai cambiamenti climatici

4 marzo 2020, Roma - Il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) ha annunciato oggi il suo sostegno a un nuovo progetto in Guinea-Bissau per ridurre la povertà, aumentare la produttività e i redditi, migliorare la sicurezza alimentare e nutrizionale e costruire la capacità di resilienza di almeno 287.000 piccoli agricoltori rispetto ai cambiamenti climatici. La Guinea-Bissau è uno dei paesi meno sviluppati al mondo. Il suo tasso di povertà è molto alto, in particolare nelle zone rurali dove fino all'80% delle persone vive in condizioni di estrema povertà, lavorando principalmente nel campo dell'agricoltura. Per aiutare il paese ad affrontare questi problemi, è stato firmato un accordo di finanziamento per il Progetto per la Diversificazione Agricola, i Mercati Integrati, la Nutrizione e la Resilienza Climatica (REDE). Tale progetto, del valore di 65,7 milioni di dollari, promuoverà la diversificazione delle colture per ridurre la dipendenza del paese dalla produzione di singole colture: riso o anacardi. Poiché le aree coinvolte dal progetto hanno un clima arido tipico del Sahel, saranno introdotte misure di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici, in particolare riducendo gli incendi e le bonifiche delle foreste, una migliore gestione delle acque di pianura, aumentando il contenuto organico del suolo coltivato e proteggendo e generando foreste su terreni in altopiano.

https://www.ifad.org/en/web/latest/news-detail/asset/41816926

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 2 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Fame Zero

 

Serra idroponica al Centro Femminile CSSL di Beit Hanoun, Gaza

24 febbraio 2020 – Anera ha recentemente costruito una serra idroponica per sfruttare lo spazio aperto in cima al tetto del centro femminile della Società Cooperativa di Risparmio e Prestito (CSSL) di Gaza. Qui vengono ora coltivati prodotti biologici come lattuga, cetrioli, peperoni, verdure a foglia e erbe aromatiche, come la menta. Il sistema idroponico permette di coltivare usando una quantità minore di acqua rispetto ai metodi agricoli tradizionali. Le tecniche idroponiche permettono inoltre di evitare l'uso di pesticidi e inquinanti spesso presenti nel suolo di Gaza. Le donne gestiscono cooperative che forniscono servizio catering a clienti e scuole dell'infanzia. Questi prodotti freschi costituiscono gli ingredienti principali dei piatti salutari che le donne preparano per la comunità locale nella cucina del centro. (…)

https://www.anera.org/blog/hydroponics-women-beit-hanoun-gaza/  

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 8 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Lavoro dignitoso e Crescita economica

 

In Colombia, scuola di robotica finanziata a progetto lancia donne e ragazze in scienze direttamente alla NASA

10febbraio 2020 – Le donne e le ragazze colombiane della Regione del Pacifico stanno mostrando al mondo un lato diverso di quest'area un tempo emarginata. Due giovani donne frequentanti l'Escuela de Robótica [Scuola di Robotica] di Quibdó, con il supporto del Programma di Alleanze per la Riconciliazione (PAR) di USAID in Colombia implementato da ACDI/VOCA, hanno ricevuto buone notizie: sono state selezionate per partecipare ad un programma dell'Università del Centro Spaziale della NASA a Houston, in Texas. Alla NASA, le ragazze verranno addestrate come astronauti e dovranno risolvere problemi pratici di ingegneria relativi all'esplorazione spaziale. Kelly Córdoba García (13; sotto a destra) e Yorleidy Parra Torres (14; sotto a sinistra) frequentano I programmi “Innovation Girls” (Innovazione Ragazze) e “Empowered Women” (Donne Emancipate), entrambi emanazioni della Scuola di Robotica, dove scienza e tecnologia vengono insegnate come strumenti di problem-solving. (…)

https://www.acdivoca.org/2020/02/in-colombia-project-supported-robotics-school-launches-women-girls-in-science-all-the-way-to-nasa/

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 5 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Uguaglianza di Genere

 

Mozambico. Rigenerazione urbana e sviluppo sostenibile

(di Francesco Pistilli)

21 febbraio 2020 - A Maputo, grazie alle ONG CESAL, Khandlelo e 33 organizzazioni locali, sosteniamo la "Regeneração urbana" della baraccopoli di Nhamankuko guidata dagli abitanti. Sport, teatro, danza e turismo comunitario sono i fattori chiave di questo progetto finanziato dall'Unione Europea. Rigeneraçao è il progetto finanziato dall'UE per creare un "tour di riscatto" nel quartiere artistico del distretto di Nhlamankuku, in Mozambico, per sostenere lo sviluppo della comunità attraverso l'arte. Il patrimonio culturale e artistico di questo quartiere è valorizzato grazie al coinvolgimento dei cittadini e delle ONG locali, incoraggiando così una nuova forma di turismo.

https://www.avsi.org/en/news/2020/02/21/mozambique-urban-regeneration-and-sustainable-development/2001/

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 11 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Città e Comunità sostenibili

 

 

Solidarietà

(top)

 

In Calabria una casa-famiglia per accogliere i disabili alla morte dei genitori

6 marzo 2020 - A Praia, Calabria, l’ambizioso progetto “C’entro anche io” accoglie i disabili alla morte dei genitori.

Nella maggior parte dei casi di famiglie con figli con disabilità e non sufficientemente autonomi per raggiungere una piena autonomia da adulti, per esempio trovando un lavoro e andando a vivere da soli, come succede soprattutto alle persone affette da disabilità cognitive, sono i genitori ad occuparsi delle necessità del figlio per tutta la loro vita, purtroppo un momento drammatico, che spesso è un buco nero nella mente dei genitori di persone con disabilità è proprio la morte di entrambi i genitori, il momento del “Dopo di noi”: cosa succederà al ragazzo quando i genitori non potranno più prestargli le necessarie cure e sostenerlo? Come farà a riadattarsi? Chi si prenderà cura di lui? Sono solo alcune delle domande che attanagliano la mente dei genitori di ragazzi disabili e a cui al momento le risposte che si possono dare sono poche e sono lasciare all’organizzazione di singole associazioni sparse sul territorio.

https://www.positizie.it/2020/03/06/in-calabria-una-casa-famiglia-per-accogliere-i-disabili-alla-morte-dei-genitori//

 

La FAO accoglie con favore il contributo dell'Unione europea di 11 milioni di euro per contrastare l'epidemia di Locuste del Deserto

27 febbraio 2020, Bruxelles / Roma - Il Direttore Generale della FAO QU Dongyu ha oggi accolto con favore il contributo di 11 milioni di euro da parte dell'Unione europea a sostegno degli sforzi crescenti dell'Agenzia delle Nazioni Unite per contrastare l'ondata di Locuste del Deserto, che ora si sta espandendo dall'Africa Orientale al Golfo Persico. Questa settimana c'è stato un ulteriore sviluppo in quanto forti venti hanno portato gli sciami di Locuste del Deserto su entrambe le coste del Golfo Persico verso il Bahrein, il Kuwait e il Qatar fino al sud-ovest dell'Iran. La FAO ha fatto appello per un urgente finanziamento di 138 milioni di dollari per assistere i paesi colpiti. Finora sono stati ricevuti solo 52 milioni di dollari. Secondo il Desert Locust Information Service (DLIS) della FAO la situazione sarà ulteriormente aggravata dalle nuove infestazioni previste nei prossimi mesi. I pascoli e le coltivazioni hanno già subito danni in Gibuti, Eritrea, Etiopia, Kenya e Somalia, e ci sono conseguenze potenzialmente gravi per la regione, dove la sopravvivenza di milioni di persone dipende dall'agricoltura e dagli allevamenti. Se le condizioni meteorologiche favorevoli continueranno, come previsto, le esigenze cresceranno. Il monitoraggio, le previsioni e il controllo delle Locuste del Deserto sono al centro del mandato della FAO.  Il Desert Locust Information Service (DLIS) è operativo da quasi 50 anni. La consolidata presenza sul campo della FAO, la sua capacità di collegare le autorità di diversi paesi e la sua competenza nella gestione delle Locuste del Deserto ne fanno un attore chiave nel rispondere a una crisi come quella che sta attualmente colpendo l'Africa Orientale e l'area del Mar Rosso 

http://www.fao.org/news/story/en/item/1263867/icode/

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 1 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Povertà Zero e n. 2 Fame Zero

 

L'UE aumenta l'assistenza alle persone colpite dalla siccità in Lesotho

18 febbraio 2020, Maseru - Il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP) accoglie con piacere il contributo dell'Unione Europea (UE) di 1,5 milioni di euro di sostegno umanitario, che consentirà al WFP di estendere attuale assistenza d'emergenza contro la siccità ad ulteriori 22.100 persone, oltre alle 77.880 persone che già stanno ricevendo assistenza. Il finanziamento dell'UE arriva in un momento in cui oltre il 30% della popolazione in tutto il paese sta vivendo livelli di crisi d'insicurezza alimentare durante l'attuale stagione magra, causata della siccità. La produzione di mais, l'alimento base, è diminuita drasticamente del 78% nel 2019 rispetto all'anno precedente. Le comunità rurali sono state le più colpite, infatti la stragrande maggioranza delle oltre 500.000 persone a rischio alimentare vivono nelle zone rurali. L'anno scorso è stato dichiarato uno stato di emergenza nazionale a causa della siccità ed è stato lanciato un “appello lampo” a sostegno del Piano di Risposta e Resistenza alla Siccità guidato dal governo. L' “appello lampo” richiedeva 74 milioni di euro per aiutare 261.000 persone in 10 distretti tra novembre 2019 e aprile 2020. Tale assistenza garantisce che le persone abbiano accesso a cibi nutrienti e sani, offrendo loro anche la possibilità di acquistare ciò di cui hanno più bisogno presso i mercati locali. 

https://www.wfp.org/news/eu-boosts-assistance-drought-affected-people-lesotho

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 2 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Fame Zero

 

Querida Amazonia: una tabella di marcia per la Caritas  

13 febbraio 2020 - La Caritas Internationalis riceve l'esortazione post-sinodale Querida Amazonia, definendola una nuova “Tabella di marcia” per l'azione caritatevole della Chiesa in tutto il mondo. Evidenziando lo stretto legame tra la cura per la creazione e la cura della persona umana, l'Esortazione Apostolica richiede un'azione collaborativa interconnessa con le popolazioni vittime di ingiustizie sociali ed economiche, rendendole protagoniste della propria resilienza. "La Caritas condivide i quattro grandi sogni di Papa Francesco", afferma Aloysius John, Segretario Generale della Caritas Internationalis, commentando le parole di Querida Amazonia. Querida Amazonia conferma l'azione intrapresa finora dalla Caritas e allo stesso tempo sfida l'intera Famiglia Caritas. I "quattro grandi sogni" di Papa Francesco stabiliscono la Tabella di Marcia che dobbiamo seguire. Querida Amazonia dimostra chiaramente che la cura dell'ambiente e la cura dei poveri sono "inseparabili" (...) ". Per la Caritas, prima di tutto, la cura delle persone passa attraverso la “vicinanza”, una presenza accanto a coloro che soffrono di povertà, ingiustizia, esclusione e oppressione. Per questo motivo dal 2007 Caritas Brasile ha avviato una serie di azioni volte a rafforzare e consolidare la sua presenza in tutti gli Stati del Brasile settentrionale (Acri, Amazonas, Amapá, Roraima, Rondônia, Tocantins, Pará e Amapá). In tutti gli stati dell'Amazzonia Brasiliana, il lavoro della Caritas è vario e principalmente volto a rendere le comunità locali protagoniste del proprio sviluppo. (...) Querida Amazzonia segue dei valori universali e sicuramente guiderà la famiglia Caritas quando dovrà affrontare situazioni simili in altre regioni del mondo. L'Esortazione Apostolica è anche un invito a rinnovare il nostro impegno nei confronti dell'Enciclica Laudato Si di Papa Francesco, il cui quinto anniversario verrà celebrato il prossimo maggio. (…).

https://www.caritas.org/2020/02/querida-amazonia/  

 

 

Pace e sicurezza

(top)

 

La Peace Brigades International, Premio per la Pace di Guernica. Istruzione per la Pace

(El Correo)

7 marzo 2020 - La Peace Brigades International (PBI) riceverà quest'anno il Premio Guernica per la pace e la riconciliazione, che viene assegnato come parte del programma commemorativo degli atti di bombardamento della città da parte della Legione tedesca Condor. La decisione di riconoscere il lavoro svolto da questa organizzazione non governativa è stata presa con la maggioranza dei voti dei membri del tavolo della giuria (...). La giuria è composta da rappresentanti delle parti che compongono il Consiglio Comunale – Eusko Abertzaleak, PNV e EH Bildu – nonché il sindaco di Pforzheim, una città tedesca gemellata con il municipio, la Fondazione Gernika Gogoratuz, la Casa della Cultura e il Museo di La Paz della località. Hanno dichiarato che la distinzione risponde "all'eccezionale lavoro svolto dai volontari dell'organizzazione e al loro impegno nella difesa dei diritti umani".

http://cpnn-world.org/new/?p=19820&utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=the-peace-brigades-international-guernica-peace-prize//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 4 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Istruzione di qualità

 

Le iniziative di pace del Rotary a un punto di non ritorno

(di Chris Offer)

4 marzo 2020 – A gennaio ho trascorso tre giorni in Ontario, California, USA, con un gruppo di appassionati costruttori di pace che hanno imparato ad essere “Attivatori della Pace Positiva” del Rotary. L'obiettivo della tre giorni di addestramento era quello di sviluppare una rete mondiale di costruttori di pace per sostenere i Rotariani e i Rotaractor nel promuovere la Pace Positiva nelle loro comunità. Entro il 2024, il Rotary formerà 150 nuovi Attivatori di Pace Positiva in sei regioni globali, preparati per educare, istruire e accompagnare i Rotariani in almeno 1.000 presentazioni e/o seminari e fungere da consulenti per progetti a livello locale e globale. La formazione è il prossimo passo in un elenco crescente di iniziative di pace del Rotary che credo stiano spingendo il Rotary a un punto di non ritorno. I nostri programmi di pace inizieranno rapidamente a espandersi e cambieranno per sempre il Rotary man mano che passiamo dall'essere sostenitori della pace a qualcosa di più grandioso: costruttori di pace attivi ed efficaci.

https://blog.rotary.org/2020/03/04/rotarys-peace-initiatives-at-a-tipping-point//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 16 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Pace, Giustizia e Istituzioni Forti

 

5 aprile Giornata internazionale della Coscienza

28 febbraio 2020 - Promuovere una cultura di pace con amore e coscienza

Il preambolo della Dichiarazione universale dei diritti umani afferma che "il disprezzo e la noncuranza verso i diritti umani hanno provocato atti barbari che hanno oltraggiato la coscienza dell'umanità e l'avvento di un mondo in cui gli esseri umani godranno della libertà di parola, di credo e di libertà dalla paura e dal desiderio è stata proclamata la più alta aspirazione della gente comune". Inoltre, l'articolo 1 della Dichiarazione afferma che "tutti gli esseri umani sono nati liberi e uguali in dignità e diritti e sono dotati di ragione e coscienza e dovrebbero agire l'uno verso l'altro in uno spirito di fratellanza". Il compito delle Nazioni Unite, quello di salvare le generazioni future dal flagello della guerra, richiede una trasformazione in direzione di una cultura di pace, consistente in valori, atteggiamenti e comportamenti che riflettono e ispirano l'integrazione sociale e la condivisione basata sui principi di libertà, giustizia e democrazia, tutti i diritti umani, la tolleranza e la solidarietà, che respingono la violenza e si sforzano di prevenire i conflitti affrontando le loro cause profonde, per risolvere i problemi attraverso il dialogo e la negoziazione e che garantiscono il pieno esercizio di tutti i diritti e i mezzi per partecipare pienamente al processo di sviluppo della loro società. Consapevole della necessità di creare condizioni di stabilità e benessere e relazioni pacifiche e amichevoli basate sul rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali per tutti, senza distinzioni di razza, sesso, lingua o religione, l'Assemblea Generale ha dichiarato il 5 aprile Giornata internazionale della Coscienza.

https://www.un.org/en/observances/conscience-day//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 16 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Pace, Giustizia e Istituzioni Forti

 

Il CICR e lo Scudo Blu (Blue Shield) hanno firmato un Memorandum d'intesa

26 febbraio 2020– Il 13 febbraio, il CICR e lo Scudo Blu hanno firmato un memorandum d'intesa per impegnarsi a lavorare in stretta collaborazione al fine di garantire la protezione della proprietà culturale durante i conflitti armati. Analogamente all'accordo firmato nel 2016 con l'UNESCO, il CICR, rappresentato da Yves Daccord, ha recentemente firmato un memorandum d'intesa con lo Scudo Blu, al fine di rafforzare la futura cooperazione tra le due istituzioni. Lo Scudo blu, rappresentato da Karl Habsburg (presidente) e Peter Stone (vicepresidente), è un'organizzazione internazionale non governativa, senza fini di lucro, che lavora a livello globale per proteggere il patrimonio culturale in situazioni di emergenza. Con un numero crescente di comitati nazionali, che operano in tutto il mondo e una competenza specifica in questo campo, la rete Blue Shield rappresenta un partner importante per il CICR. Agendo insieme e con il continuo supporto di altri attori come l'UNESCO, il CICR sarà in grado di consolidare ulteriormente le attività ate a promuovere una migliore protezione della proprietà culturale dagli effetti devastanti dei conflitti armati. (…) Il seguente link si riferisce alle pagine web del CICR sulla protezione dei beni culturali nei conflitti armati, compreso l'accordo del 2016 firmato con l'Unesco:

https://www.icrc.org/en/document/cultural-property-protected-in-armed-conflict  

https://www.icrc.org/en/document/icrc-and-blue-shield-signed-memorandum-understanding  

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 16 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Pace, Giustizia e Istituzioni Forti

 

La corsa come mezzo per allontanare le donne e i bambini dalla violenza delle favelas

24 febbraio 2020 - Neide Santos, cresciuta nelle favelas di San Paolo, in Brasile, ne ha viste e superate tantissime nella vita, ha avuto un infanzia segnata da abusi di ogni genere, poi la morte del marito e di entrambi i suoi figli, uno ucciso dalla polizia per errore e un altro ucciso da un ragazzo di 14 anni nelle favelas, una serie di difficoltà che metterebbero al tappeto chiunque, ma che a lei hanno dato una ragione di vita e uno scopo e che l’hanno portata ad unire la sua passione per la corsa con il desiderio, forse proprio per tutto il male che è capitato a lei, di aiutare più persone possibili ad allontanarsi dalla violenza delle favelas e a non rimanere intrappolati nella criminalità, abusi, violenze e nella povertà e a cambiare vita.  Neide decide che deve reagire al dolore e all’orrore che la vita le ha gettato addosso e che vuole dedicarsi agli altri in prima persona, attraverso la sua passione più grande, quella dell’atletica leggera. Con tutto il coraggio e grinta che le sono rimasti inizia ad organizzare lezioni gratuite di atletica aperte a tutti e ad organizzare gare di corsa con l’obiettivo di poter dare una vita d’uscita a chi si sente in trappola e vuole cambiare.  Così nel 1999 fonda “Vida Corrida”, la vita di corsa, un progetto per allontanare le donne e i bambini dalla violenza delle favelas di San Paolo, che in vent’anni ha aiutato centinaia di persone ad sperare in un futuro diverso.

https://www.positizie.it/2020/02/24/il-coraggio-di-neide-che-con-la-corsa-salva-donne-e-bambini-nelle-favelas//

 

 

Salute

(top)

 

Cina: nate moltissime iniziative online per far fronte all’isolamento per il Coronavirus

3 marzo 2020 - La Cina dà un grande esempio di resilienza: gli istruttori di fitness, le scuole e i musei offrono collegamenti in streaming per non fermarsi in questi momenti difficili. Le misure adottate nei giorni scorsi da alcune regioni italiane non si distanziano molto da quelle prese dalle città cinesi colpite dall’epidemia di coronavirus. La vita dei cittadini verrà condotta per un po’ di tempo in maniera molto diversa dal solito. Ma è proprio in queste situazioni di disagio che è possibile ammirare la capacità umana di far fronte alle difficoltà, con supporto reciproco e con iniziative in grado di infondere positività. In questi casi si può parlare a tutti gli effetti di resilienza.   In psicologia, la resilienza è la capacità di reagire di fronte a traumi e difficoltà, riorganizzando positivamente la propria vita e cogliendo le opportunità positive che la vita offre anche in contesti di crisi.

https://www.positizie.it/2020/03/03/cina-nate-moltissime-iniziative-online-per-far-fronte-allisolamento-per-il-coronavirus//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

PAHO/OMS e il Messico rafforzano la capacita di laboratorio per riconoscere la febbre gialla nelle Americhe

2 marzo 2020 – Funzionari da 13 laboratori di sanità pubblica in 11 Paesi delle Americhe stanno partecipando questa settimana ad un seminario mirato a rafforzare le loro capacità per la diagnosi e il riconoscimento dei casi di febbre gialla. Il seminario è stato organizzato dalla Organizzarione di Sanità Panamericana/Organizzazione Mondiale di Sanità (PAHO/WHO) insieme con il Direttorato di Sorveglianza di Sanità Pubblica del Ministero della Sanità del Messico e dei suoi associati.

https://www.paho.org/hq/index.php?option=com_content&view=article&id=15750:paho-who-and-mexico-strengthen-laboratory-capacity-to-detect-yellow-fever-in-the-americas&Itemid=1926&lang=en//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

Le Nazioni Unite liberano 15 milioni di dollari USA per aiutare i Paesi vulnerabili a combattere la diffusione del coronavirus

1 marzo 2020 – Il Capo Umanitario delle Nazioni Unite Mark Lowcock ha oggi stanziato 15 milioni di dollari USA dal Fondo Centrale per le Risposte di Emergenza (CERF) per aiutare il finanziamento  degli sforzi globali per contenere il virus Covid-19. L’annuncio è arrivato mentre l’Organizzazione Mondiale di Sanità (OMS) ha aggiornato il rischio globale dell’epidemia di coronavirus a “molto alto” – il suo livello più alto di valutazione del rischio. L’OMS ha detto che c’è ancora una possibilità di contenere il virus se la sua catena di trasmissione viene rotta. Il finanziamento delle Nazioni Unite è stato rilasciato all’OMS e al Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia (UNICEF). Finanzierà attività essenziali comprese il monitoraggio della diffusione del virus, l’investigazione dei casi e l’operatività dei laboratori nazionali.  

https://www.who.int/news-room/detail/01-03-2020-un-releases-us-15-million-to-help-vulnerable-countries-battle-the-spread-of-the-coronavirus//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

Assegnata alla Croce Rossa l’esenzione dalle sanzioni delle Nazioni Unite per fornire aiuto umanitario nella DPRK

24 febbraio 2020 – Pyongyang/Kuala Lumpur/Ginevra – Alla Federazione Internazionale della Croce Rossa e delle Società della Mezzaluna Rossa (IFRC) è stata donata un’esenzione dalle sanzioni delle Nazioni Unite, imposte alla Repubblica Democratica Popolare di Corea dalla Risoluzione del consiglio di Sicurezza della Nazioni Unite 1718 (2006) e successive risoluzioni, consentendo la fornitura di supporto salvavita per proteggere la popolazione dalla diffusione del nuovo Coronavirus, COVID-19. Il potenziale per un’epidemia di COVID-19 nella Repubblica Democratica Popolare di Corea pone una minaccia per milioni di persone che sono già in condizione di necessità di assistenza umanitaria. (…) L’11 febbraio, l’IFRC ha lanciato un appello di emergenza globale di 32 milioni di franchi svizzeri per sostenere le Società Nazionali con attività sanitarie su base comunitaria, accesso ai servizi di base e il trattamento della disinformazione e dei pregiudizi. (…) L’IFRC ha mantenuto una presenza permanente nella Repubblica Democratica Popolare di Corea a partire dal 1995, sostenendo il lavoro umanitario della Società della Croce Rossa della Repubblica Democratica Popolare di Corea, che è una delle poche organizzazioni con accesso alle comunità attraverso l’intero Paese.

https://media.ifrc.org/ifrc/press-release/red-cross-granted-exemption-un-sanctions-provide-humanitarian-aid-dprk/  

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

Quattro paesi nella regione africana autorizzano un vaccino in una pietra miliare per la prevenzione di Ebola

14 febbraio 2020 – La Repubblica Democratica del Congo (DRC), il Burundi, il Ghana e lo Zambia hanno autorizzato un vaccino per Ebola, appena 90 giorni dopo la prequalifica dell’Organizzazione Mondiale di Sanità. La registrazione del vaccino è attesa in altri paesi nelle prossime settimane. L’autorizzazione del vaccino significa che il produttore può accumulare riserve e distribuire ampiamente questo vaccino ai paesi africani a rischio per epidemie della malattia virale Ebola. Una volta che le dosi autorizzate siano disponibili, l’uso del vaccino non richiederà test clinici o altri protocolli di ricerca. “L’approvazione del vaccino per Ebola è un’altra pietra miliare nella lotta contro questa spietata malattia,” ha detto il Direttore Generale dell’OMS Dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus. “L’Africa si è riunita per consolidare i progressi conquistati a fatica per mantenere la sua gente sicura da Ebola.” L’OMS ha accelerato l’approvazione e il lancio del vaccino per Ebola certificando che esso soddisfa gli standard dell’organizzazione per qualità, sicurezza ed efficacia nel suo più veloce processo di prequalifica di un vaccino di sempre, annunciato a novembre 2019. La velocità con cui questo è stato ottenuto, è stata resa possibile per mezzo di un approccio differente, dove le procedure di autorizzazione nazionali sono state compiute in parallelo basandosi su di un singolo processo di revisione scientifica. Usualmente questi processi sono condotti uno alla volta, cosa che può richiedere anni.

https://www.who.int/news-room/detail/14-02-2020-four-countries-in-the-african-region-license-vaccine-in-milestone-for-ebola-prevention    

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 3 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Salute e Benessere

 

 

Energia e sicurezza

(top)

 

Il Dipartimento dell'Energia stanzia 30 milioni di $ per una nuova ricerca sull’energia da fusione nucleare

6 marzo 2020 – Oggi (4/3) il Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti (DOE) ha annunciato un piano per stanziare $ 30 milioni a favore di nuove ricerche sull'energia ricavata dalla fusione nucleare. Questo finanziamento fornirà $ 17 milioni alla ricerca focalizzata specificamente, tra gli altri argomenti, sugli approcci di intelligenza artificiale (AI) e machine learning (ML) per la previsione dei principali fenomeni del plasma, la gestione delle operazioni sulle strutture e la scoperta accelerata attraverso dati scientifici. Nell'ambito di un'opportunità di finanziamento separato, ulteriori $ 13 milioni saranno dedicati alla ricerca di base sulla teoria della fusione, tra cui la modellizzazione e la simulazione al computer incentrate su fattori che influenzano il comportamento dei plasma caldi confinati dai campi magnetici nei reattori a fusione. (...)

https://electricenergyonline.com/news.php?ID=820875&cat=;52&niveauAQ=0

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 9 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Industria,Innovazione e Infrastrutture

 

La UNSW si impegna a disinvestire dai combustibili fossili entro il 2025

6 marzo 2020 – L'Università del Nuovo Galles del Sud ha annunciato che entro il 2025 disinvestirà dai combustibili fossili, nel rispetto del suo obiettivo di zero emissioni nette che è in linea con l'accordo di Parigi di limitare il riscaldamento globale a 1,5 ° C. Il gruppo ambientalista 350.org ha dichiarato che l'impegno è stato formalizzato grazie allo stimolo di sei anni di campagne UNSW guidate dagli studenti e che l'università - leader mondiale nella ricerca e sviluppo nel solare fotovoltaico – muove verso un obiettivo zero di elettricità al carbonio entro la fine di quest'anno. (...)

https://reneweconomy.com.au/unsw-pledges-to-divest-from-fossil-fuels-by-2025-2025/

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 12 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Consumo e Produzione responsabili

 

Tutti i veicoli pubblici a New York saranno elettrici entro il 2040

4 marzo 2020 – Per raggiungere l'obiettivo che è parte costituente del "New Deal verde" entro il 2050, il governo di New York ha decretato che tutti i veicoli pubblici della città dovranno essere elettrici entro il 2040, includendo perciò autobus, traghetti, autovetture, ambulanze, camion della spazzatura, auto per operazioni ingegneristiche, camion al rimorchio e altri veicoli di servizio. Al momento i veicoli pubblici di New York superano i 30.000, il più alto numero degli Stati Uniti. Con l'implementazione che sarà attuata a partire da quest'anno, la politica del governo prevede l'impiego, tramite sostituzione o ristrutturazione, di 4.000 veicoli elettrici pubblici entro il 2025. Ciò consentirà alla città di ridurre del 50% le emissioni di CO2 dei suoi veicoli pubblici. La politica prevede l'installazione di un gran numero di stazioni di ricarica pubbliche, che faciliterà in modo significativo la diffusione di auto elettriche in città. Il governo di New York ha anche deciso di vietare l'uso di combustibili fossili e di gas naturale in tutti i nuovi edifici pubblici costruiti dopo il 2040, nonché in tutte le infrastrutture di combustibili fossili, aumentando nel contempo gli investimenti nell'energia eolica e fotovoltaica.

https://reneweconomy.com.au/unsw-pledges-to-divest-from-fossil-fuels-by-2025-2025/

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 11 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Città e Comunità sostenibili

 

Il Comitato Consultivo del progetto TO-SYN-FUEL si riunisce a Ravenna, in Italia

(di Robin Whitlock)

3 marzo 2020 – Il 18 febbraio 2020 l'Università di Bologna ha ospitato il secondo incontro del Comitato Consultivo del progetto Horizon 2020 TO-SYN-FUEL presso gli uffici della Fondazione Flaminia a Ravenna, in Italia, con discussioni incentrate sullo stato di avanzamento del progetto, che mira a integrare tecnologie per produrre combustibile rinnovabile da residui biogenici. (...) Il processo di sviluppo della tecnologia ha mostrato un elevato potenziale nell'utilizzo di biomassa e residui. (...)

https://www.renewableenergymagazine.com/biofuels/tosynfuel-project-advisory-board-meets-in-ravenna-20200303/

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 12 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Consumo e Produzione responsabili

 

 

Ambiente e natura

(top)

 

In lavorazione la legge europea sul clima e gli obiettivi per il 2050

5 marzo 2020 – La Commissione Europea ha pubblicato una nuova proposta di legge per il clima che include cambiamenti di ampia portata tra cui le aree interessate dalle politiche energetiche. La legge sul clima europea fissa gli obiettivi per il 2050 e la direzione che dovrà prendere l'Europa, che offre prevedibilità alle pubbliche autorità, alle aziende e ai cittadini. (…) Ogni cinque anni la Commissione riconsidererà gli ultimi sviluppi internazionali e scientifici così come le politiche europee esistenti, le legislazioni e i progressi fatti andando verso il 2050 per verificare se la rotta intrapresa sarà quella giusta o avrà bisogno di essere rivista.

https://renews.biz/58972/eu-climate-law-tabled-to-achieve-2050-target/

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 13 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Agire per il Clima

 

Il dialogo mobilita più di venti Fondazioni per costruire una partnership per gli oceani nel prossimo decennio

4 marzo 2020 – Più di venti tra le principali Fondazioni per gli oceani hanno preso parte a due giorni di dibattito per costruire una partnership che migliori e porti a dei risultati concreti per gli oceani nel prossimo decennio. Organizzato insieme alla Commissione intergovernativa oceanografica dell'UNESCO e la Velux Foundation (Danimarca), il dialogo internazionale si è focalizzato su una serie di notevoli iniziative volte a mobilitare la comunità filantropica globale in previsione del prossimo incontro delle Nazioni Unite Decade of Ocean Science for Substainable Development (2021-2030). L'Ocean Decade delle Nazioni Unite ha presentato un'opportunità storica senza eguali per ribaltare la situazione di declino della salute degli oceani per raggiungere gli obiettivi fissati per il 2030 sfruttando le conoscenze scientifiche, l'utilizzo di innovazioni tecnologiche e la diffusione di competenze. Per avere però successo in questo processo di trasformazione, la comunità internazionale deve ingaggiarsi per accelerare il settore sempre più in rapida crescita dell'innovazione tecnologica, la trasformazione sociale e la filantropia globale.

https://en.unesco.org/news/dialogue-mobilizes-over-twenty-foundations-build-ocean-partnerships-next-decade//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 14 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

La Vita sott’acqua

 

Dichiarazione della Giornata Mondiale per la fauna selvatica – 'Sostenere tutte le forme di vita sulla Terra'

3 marzo 2020 – Un milione di animali e specie animali sono a rischio di estinzione se non la smettiamo di distruggere l'ecosistema da cui noi stessi dipendiamo. Prevenire e contrastare i crimini contro la fauna selvatica e le foreste è essenziale per “Sostenere tutte le forma di vita sulla Terra”, che è il tema centrale della Giornata Mondiale per la fauna selvatica di quest'anno. Sia sulla terra, che nelle profondità marine, la natura è sotto la minaccia costante del bracconaggio e dello sfruttamento. Crimine organizzato e corruzione sono alcune delle principali cause che stanno causando la perdita della biodiversità, Affrontarli richiede un'azione mirata e una cooperazione internazionale. Attraverso il suo Programma globale per combattere i crimini contro la fauna selvatica e le foreste, l'Ufficio delle Nazioni Unite per Crimini e Droga (UNODC) lavora con 31 paesi di Africa, Asia e America Latina, dove le biodiversità sono in grave pericolo aiutare a frenare il traffico, lo sfruttamento illegale delle risorse naturali e la corruzione. Supportiamo gli sforzi dei governi per gestire queste risorse in modo sostenibile così che le comunità locali possano continuare a beneficiarne. All'inizio di questo Decennio di Azioni per raggiungere gli Obiettivi di Sostenibilità del Millennio, abbiamo bisogno di unire le forze. UNODC si è impegnato per offrire la sua esperienza e costruire alleanze per porre fine allo sfruttamento illegale delle risorse naturali che sostengono il nostro pianeta.

http://www.unodc.org/unodc/en/press/releases/2020/March/world-wildlife-day--3-march-2020---sustaining-all-life-on-earth-statement-of-unodc-executive-director.html//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 15 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

La Vita sulla Terra

 

AMERICAN WIND ENERGY ASSOCIATION: l'energia eolica è la nuova fonte primaria per la produzione di energia elettrica rinnovabile

2 marzo 2020 – Secondo la Energy Information Administration degli Stati Uniti, l'energia eolica è la nuova fonte primaria per la produzione di energia elettrica, superando nel 2019 - per la prima volta nella storia- quella idroelettrica. Nel 2019 sono stati prodotti 300 milioni di megawatt (Mwh) derivanti dall'energia eolica, superando la produzione di quella idroelettrica di 26 milioni di Mwh (…). I parchi eolici posso fornire energia a più di 32 milioni di abitazioni grazie alle 60.000 turbine che continuano a girare in 41 stati.

https://electricenergyonline.com/news.php?ID=819720&cat=;141;88&niveauAQ=0  

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 9 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Industria, Innovazione e Infrastrutture e n. 13 Agire per il Clima

 

 

Religione e spiritualità

(top)

 

Terra Santa, presto on line i volumi della Biblioteca della Custodia francescana

(di Tiziana Campisi)

8 marzo 2020 - Un team di esperti polacchi sta ultimando in queste settimane la digitalizzazione di oltre mille libri antichi conservati dai francescani della Custodia a Gerusalemme.

Codici e manoscritti che si vogliono salvare dall’usura e per questo da quattro anni sono a lavoro conservatori, esperti di digitalizazione e anche fotografi. I libri, riferisce la Custodia di Terra Santa, vengono sfogliati e fotografati pagina per pagina. Poi, le singole foto di un intero volume vengono riunite in un unico file. Si tratta di operazioni assai meticolose e diversificate sulla base delle dimensioni dei libri che, tra l’altro, vanno maneggiati con molta cura, alcuni infatti sono fragili e devono essere sfogliati con estrema attenzione.

https://www.vaticannews.va/it/chiesa/news/2020-03/terra-santa-on-line-biblioteca-custodia-francescana-volumi.html//

 

Nipponzan Myohoji: Inaugurazione della Pagoda della Pace a Madurai

7 marzo 2020 - Sarebbe nostro grande piacere tenere una cerimonia di pace e ospitare molti buddisti, cristiani, indù, musulmani, seguaci di altre religioni e attivisti della pace. “Nel drammatico teatro di violenza che oggi colpisce l'intero pianeta, in India siamo testimoni in questi giorni di atti di repressione, da parte del governo Modi e del suo partito BJP, contro le minoranze religiose ed etniche che hanno portato decine di vittime nelle strade della capitale indiana", hanno condiviso con noi i nostri cari amici Chandra e Max dall'Italia. Contemporaneamente c'è anche un contro-movimento per la Pace e la Ricostruzione. Ora è il momento per tutti noi di spostarci verso azioni e pensieri costruttivi e positivi. Come ci ha detto Chandra, "È il momento ideale per comprendere e mettere in pratica gli insegnamenti dei grandi maestri della Nonviolenza (Ahimsa) e consentire ai diversi percorsi spirituali e politici di convergere verso un unico percorso".

https://www.pressenza.com/2020/03/nipponzan-myohoji-peace-pagoda-inauguration-in-madurai//

 

Messaggio GMG 2020: il Papa invita i giovani a rischiare e cambiare il mondo

(di Lydia O’Kane)

5 marzo 2020 – Papa Francesco nel suo messaggio per la Giornata Mondiale della Gioventù 2020 invita i giovani ad essere discepoli missionari e a dare carta bianca ai propri sogni e alle proprie passioni. Mancano due anni alla prossima Giornata Mondiale della Gioventù, che si terrà a Lisbona nel 2020, e in questo lasso di tempo il Papa invita i giovani a riflettere sui temi per le giornate mondiali del 2020 e del 2021.

https://www.vaticannews.va/en/pope/news/2020-03/wyd-message-2020-pope-invites-youth-to-take-a-risk-and-change.html//

 

Il presidente della Soka Gakkai International pubblica la 38a proposta di pace annuale

(di Lilly Greenblatt)

5 marzo 2020 – Daisaku Ikeda, presidente dell’organizzazione buddista Soka Gakkai International (SGI), definita come “una rete buddista a livello globale che promuove pace, cultura ed educazione”, ha pubblicato “Verso il nostro futuro comune: costruiamo un era di solidarietà umana” ovvero la sua 38a proposta di pace annuale. La proposta di focalizza sul combattere il cambiamento climatico, offrendo tre impegni per l’azione contro il riscaldamento globale. Ikeda descrive l’affrontare il collasso del clima come “una sfida fondamentale, dal cui risultato dipende il destino dell’umanità”. Sostiene un impegno a livello mondiale che permetta di non lasciare indietro nessuno, di prendere misure comuni costruttive e di focalizzarsi sulle azioni per il clima dei giovani. L’abolizione delle armi nucleari è un’altra tematica della proposta 2020 che sollecita la ratificazione entro l’anno da parte di tutti e 50 stati del Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari (TPNW).

https://www.lionsroar.com/soka-gakkai-internationals-president-issues-38th-annual-peace-proposal//

 

Trovare la speranza nella crisi umanitaria

2 marzo 2020 – i politici e i volontari del settore umanitario dove trovano la speranza se l’umanità è in crisi? Come l’esperienza personale e la visione globale influiscono sulle decisioni politiche e sui lavori di sostegno? Come fanno i volontari ad affrontare la visione quotidiana della sofferenza umana? L’idea stessa che l’umanità sia in crisi è il primo passo di “Umanità in Crisi: risposta etica e religiosa per i rifugiati”, il nuovo libro del Reverendo David Hollenbach, membro anziano del Berkley Center. Hollenbach definisce un nuovo scenario etico e religioso con lo scopo di informare la politica dell’attuale crisi dei rifugiati, responsabile dello spostamento di circa 70 milioni di persone in tutto il mondo. La religione, secondo Hollenbach, può giocare un ruolo importante in come le persone esperiscono e gestiscono la crisi globale dei rifugiati ma anche tutte le altre emergenze umanitarie.

https://berkleycenter.georgetown.edu/posts/finding-hope-in-humanitarian-crisis//  

 

Mosul, la storica chiesa di San Tommaso sarà ricostruita

(di Andrea Gagliarducci)

28 febbraio 2020 - Nell’ambito del progetto UNESCO “Ravvivare lo spirito di Mosul”, comincerà ad aprile la ricostruzione della chiesa di al Tahera, nel centro della città.  Era a Mosul che si era radunato lo Stato Islamico, ingolosito anche dal fatto che il “tesoro” dei funzionari governativi fosse nella sede della Banca Centrale del Paese. E da lì sono scappati, dal giorno alla notte, migliaia di rifugiati alla volta di Erbil, dopo che lo stesso esercito aveva annunciato che avrebbe lasciato la città. Oggi, sei anni dopo la crisi, la sconfitta dello Stato Islamico, il primo lavoro è quello di ricostruire. Ricostruire non solo le case, ma anche la fiducia. E soprattutto le chiese. Nel centro di Mosul c’è la chiesa siriaco cattolica Al Tahera che è stata danneggiata in maniera profonda nel 2017. La chiesa è un simbolo di come Mosul si è trasformata.

https://www.acistampa.com/story/mosul-la-storica-chiesa-di-san-tommaso-sara-ricostruita-13415//

 

 

Cultura e educazione

(top)

 

il Manifesto 2000. EDUCAZIONE PER LA PACE.

(El Manana)

7 marzo 2020 – E’ chiaro che in una cultura di violenza i conflitti vengano risolti con la violenza, che non è altro che la mancanza di capacità di affrontare le differenze con una cultura di pace, il dialogo e la comprensione reciproca. A differenza di quanto dichiarato da Benito Juarez durante la resistenza all’occupazione francese, è ormai chiaro che tra gli individui e le nazioni la violazione dei diritti degli altri è alla base della violenza che si manifesta nella società, nei governi e nelle istituzioni. E non è tanto che l’aggressività sia stata liberata negli esseri umani, no. Grazie ai mezzi della socializzazione: famiglia, scuola, religione, associazioni ecc, l’aggressività può essere incanalata in tre modi diversi: la strada distruttiva della violenza, l’indifferenza della passività, e la costruttività, ovvero la non violenza, che vuol dire agire ma non in modo violento. Vista così, se la violenza è qualcosa di appreso, è chiaro che può anche essere disimparata e rimpiazzata da altri meccanismi, non distruttivi, nella risoluzione dei conflitti.

http://cpnn-world.org/new/?p=19809&utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=the-manifesto-2000//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 4 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Istruzione di qualità

 

Messico: cultura di pace nell’educazione superiore

(di Jaime Valls Esponda)

26 febbraio 2020 – Il 17 febbraio è stato presentato il Programma per una cultura di pace nelle istituzioni dell’educazione superiore nella sede di ANUIES (Associazione Nazionale delle Università e delle Istituzioni dell’Educazione Superiore). Oltre al tema della pace, contiene anche misure per la prevenzione delle dipendenze e cerca di contribuire anche allo sviluppo dei giovani nelle scuole e negli ambienti sociali.

http://cpnn-world.org/new/?p=19721&utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=mexico-culture-of-peace-in-higher-education//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 4 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Istruzione di qualità

 

Africa: La commissione regionale stabilisce la strada per rivitalizzare l’educazione e la professionalità degli insegnanti

20 febbraio 2020 – La Commissione Regionale Africana per l’Educazione Internazionale si è riunita ad Accra il 10-13 febbraio per rivedere i progressi e per definire la politica per il prossimo periodo. Durante l’incontro della durata di tre giorni, la Commissione ha definito le priorità della regione, ovvero il rafforzamento della democrazia, la difesa dell’educazione pubblica e la spinta per il raggiungimento dell’Obbiettivo di Sviluppo Sostenibile n. 4 entro il 2030. All’incontro hanno partecipato il Segretario Generale per l’Educazione Internazionale, David Edwards, il vicesegretario generale, Haldis Holst e il coordinatore senior, Dennis Sinyolo. In questa occasione si è anche discusso delle attività e dei report finanziari della regione e del programma strategico di EI Africa. Inoltre, il Segretario Generale e il Presidente della Commissione Regionale hanno ufficialmente inaugurato un nuovo ufficio regionale. La Commissione ha preso nota in modo particolare anche della difficile situazione dei colleghi in Kenya, dove la Commissione degli Insegnanti (TSC) sta conducendo una campagna contro il sindacato nazionale kenyota degli insegnanti (KNUT), I membri della commissione hanno denunciato gli incessanti attacchi contro il sindacato da parte della TSC e hanno espresso la propria solidarietà nei confronti del sindacato e degli educatori kenyoti.

https://www.ei-ie.org/en/detail/16633/africa-regional-committee-sets-the-course-to-revitalise-education-and-teacher-professionalism

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 4 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Istruzione di qualità

 

WFP e il Ministro dell’Istruzione iracheno rilanciano i pasti scolastici

13 febbraio 2020, Baghdad – Il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP) e i suoi partner in collaborazione con il Ministro dell’Istruzione (MoE) hanno rilanciato il programma dei pasti scolastici in seguito al successo del progetto pilota del 2018 nella parte occidentale di Mosul. Grazie al Programma dei Pasti Scolastici, il WFP sta distribuendo pasti freschi a 330.000 bambini in 1.200 scuole primarie in tutto il paese durante l’anno scolastico. I semplici pasti forniti assicurano ai bambini di avere abbastanza energie per cominciare la giornata scolastica. Sebbene siano passati più di due anni da quando le zone controllate dallo Stato Islamico sono state liberate, il sistema scolastico in Iraq si sta ancora riprendendo da decenni di mancati investimenti e di instabilità. I pasti scolastici includono una bottiglia di acqua o di succo di frutta, pane fresco locale, formaggio e un frutto. Questo pasto bilanciato fornisce agli alunni l’energia di cui hanno bisogno per concentrarsi durante le lezioni. Inoltre, tutto il cibo fornito viene acquistato da produttori, panetterie, mercati ortofrutticoli e piccole aziende locali. Tutto questo rafforza la capacità delle piccole aziende, facilita la creazione di centinaia di opportunità nelle aree in cui viene applicato il programma e invigorisce i stemi alimentari locali e nazionali.

https://www.wfp.org/news/wfp-and-iraqi-ministry-education-relaunch-school-feeding

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 2 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Fame Zeroe  n. 4  Istruzione di qualità

 

Musei Vaticani, l’anno di Raffaello inizia col capolavoro del suo maestro Perugino

(di Alessandro Di Bussolo)

8 febbraio 2020 - Le celebrazioni per i 500 anni della morte di Raffaello Sanzio, iniziano in Vaticano con l’esposizione della Pala dei Decemviri di Pietro Perugino, il maestro del grande pittore urbinate. Dal 17 al 23 febbraio il trasferimento degli arazzi di Raffaello in Cappella Sistina.  Rientra nei Musei Vaticani, con la sua cornice e la sua “cimasa” dalle quali era stata separata nel 1797 per le requisizioni napoleoniche, la “Pala dei Decemviri” di Pietro Perugino, e l'occasione è l'apertura delle celebrazioni dei 500 anni dalla morte del suo allievo, il grande Raffaello Sanzio da Urbino. Dopo essere stata ammirata a Perugia nella sua ritrovata unità e bellezza originaria da ottobre 2019 a fine gennaio 2020, la Pala sarà esposta nella Pinacoteca vaticana dall’8 febbraio al 30 aprile. Un’occasione imperdibile, nata dalla collaborazione tra i Musei del Papa e la Galleria Nazionale dell’Umbria, per ammirare anche nella Pinacoteca Vaticana la ricomposizione della celebre Pala del maestro umbro: la tavola con la Madonna in trono con Bambino e Santi dei Musei Vaticani reinserita nella sua splendida cornice originale e riunita alla cimasa raffigurante il Cristo in pietà del museo perugino.

https://www.vaticannews.va/it/vaticano/news/2020-02/musei-vaticani-anniversario-500-morte-raffaelli-mostra-perugino.html//

Notizia correlata all’Obiettivo di Sviluppo sostenibile n. 4 dell’Agenda Globale 2030 delle Nazioni Unite

Istruzione di qualità

 

 

* * * * * * *

(top)

 

 

 

Good News Agency è pubblicata mensilmente (tranne agosto) con traduzioni a sua cura. Tutti i  numeri precedenti sono disponibili al sito http://www.goodnewsagency.org. Registrazione presso il Tribunale di Roma n. 265-2000 del 20.6.2000. Iscrizione al R.O.C  n. 11060 del 16.2.2005.

Direttore responsabile ed editoriale: Fabio Gatti (fabio.gatti@goodnewsagency.org). Ricerche editoriali: Fabio Gatti, Isabella Strippoli, Elisa Minelli, Salvatore Caruso Motta, Chiara Damilano, Francesco Viglienghi, Carlo Toraldo, Andrea Landriscina, Nazzarena Franco. Traduttori: Silvia Ansaloni, Arianna Ciocca, Eleonora Ferrante, Chiara Gessi, Giuliano Giannone, Pamela Mariotti, Ilaria Nannini, Paolo Pagin, Martina Parovel, Manuela Sassi, Isabella Strippoli, Simona Valesi. Webmaster e copertura media e ONG: Simone Frassanito (simone.frassanito@goodnewsagency.org). 

 

Good News Agency è distribuita gratuitamente nel mondo per via telematica a media e giornalisti redazionali della stampa quotidiana e periodica, della radio e della televisione, a ONG e associazioni di servizio, a scuole superiori e università e ad oltre 26.000 Rotariani.

 

È un servizio di puro volontariato dell’Associazione Culturale dei Triangoli e della Buona Volontà Mondiale, fondata nel 1979, ente morale con D.M. 24-5-1999 pubblicato sulla G.U. n. 135 dell’11-6-1999. L’Associazione opera per lo sviluppo delle coscienze e promuove una cultura della pace nella prospettiva del ‘villaggio globale’ basato sull’unità nella diversità e sulla condivisione.  

L’Associazione ha sede in Roma, Piazzale degli Eroi 8. È iscritta al Registro della Regione Lazio delle associazioni di promozione sociale, alla World Association of Non Governmental Organizations (WANGO) e alla Union of International Associations (UIA).

 

* http://decade-culture-of-peace.org/2010_civil_society_report.pdf Nella sezione A, Organizzazioni Internazionali, pag. 12, il Rapporto dice: “La diffusione e lo scambio dell’informazione di una cultura di pace tramite Internet è diventata il principale strumento per diverse organizzazioni internazionali, tra cui spiccano Culture of Peace News Network, Good News Agency e  Education for Peace Globalnet.”